RICETTE SALATE,  ULTIME RICETTE

Frittata al forno con cavolini di Bruxelles

La frittata è una ricetta classica della tradizione italiana. A base di uova, permette di sbizzarsi con abbinamenti che più ci piacciono. Questa che vi propongo vede come protagonisti i cavolini di Bruxelles. E’ una soluzione ottima da preparare la sera e portare in ufficio come schiscetta il giorno dopo, ma è ottima anche da tenere pronta per consumarla a casa. Si può conservare in frigorifero per un giorno. Vediamo cosa ci occorre per cucinarla.

Ingredienti per una frittata del diametro di circa 20 cm

5 uova

150 g di cavolini di Bruxelles

1 cucchiaino di Timo

1 cucchiaino di Prezzemolo

Un pizzico di sale

30 g di parmigiano

Pepe nero a piacere

2 cucchiai di Olio extra vergine di oliva

Utensili necessari:

Contenitore da forno del diametro di circa 20 cm

1 foglio di carta da forno

1 ciotola

1 forchetta

Procedimento:

  1. Prima di tutto lessiamo i cavolini di Bruxelles. Se non li avete mai cucinati potete cliccare qui per vedere come fare.
  2. Anche se acquisto le uova al supermercato, prima di utilizzarle preferisco lavarle o pulirle con un panno umido. Dopo averle pulite, rompiamo le uova e versiamo sia il tuorlo che l’albume in una ciotola. Sbattiamo le uova con una forchetta alcuni secondi e quindi aggiungiamo le spezie: il timo, il prezzemolo e il pepe nero. Aggiungiamo anche il pizzico di sale, il parmigiano e l’olio. Uniamo al composto ottenuto i cavolini di Bruxelles e mescoliamo gli ingredienti.
  3. Prendiamo il foglio di carta da forno e bagnamolo e strizziamolo e poniamolo nel contenitore da forno. L’operazione di bagnare il foglio di carta, permette di poterlo maneggiare più facilmente.
  4. Versiamo il composto delle uova nel contenitore rivestito di carta da forno e mettiamolo in forno ventilato a cuocere per circa 30 minuti a 180 gradi. I tempi di cottura possono variare in base al vostro forno.

Se proverete questa ricetta, lasciatemi un commento qui sotto per raccontarmi se vi è piaciuta. Se avete apportato delle modifiche che l’hanno resa migliore, tornate a raccontarcelo. Lasciare un tuo commento mi aiuterà a migliorare e sarà utile agli altri lettori. Sharing is caring.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *